Dispositivi GPS

Orologi e GPS portatili.

Quali scegliere e come sceglierli

Ottimi compagni per chi pratica sport outdoor e, in parte, eredi della cara e vecchia combo cartina e bussola, i dispositivi GPS sono un investimento, che si rivelerà sicuramente un ottimo acquisto e un’ottima aggiunta alla vostra attrezzatura sportiva.

Se state cercando un navigatore GPS, ecco qualche rapido consiglio per scegliere quello che fa al caso vostro.

Innanzitutto, in base allo scopo per cui lo userete, dovrete scegliere tra un orologio GPS ed un dispositivo portatile. Il mercato è saturo, in entrambi i casi, e la scelta non è affatto semplice.

GLI OROLOGI GPS
In commercio ci sono una miriade di orologi GPS, alcuni sono simili tra loro, altri lo sono solo apparentemente. A causa di questa situazione, la scelta di un buon orologio GPS è tutt’altro che semplice, per questo abbiamo creato una sorta di breve guida che vi aiuterà nella scelta del GPS che fa per voi.
Innanzitutto, ecco quali sono tre punti principali da tenere in considerazione quando si sceglie un orologio GPS:
-L’attività sportiva che praticherete
-Il rapporto qualità/prezzo/caratteristiche
-L’interfaccia
1 – Perché state comprando un orologio GPS? Quale sport praticherete?
Di base un GPS misura innanzitutto la durata delle vostre sessioni di allenamento, la distanza percorsa e la velocità. Alcuni orologi GPS sono pensati anche per alcune attività specifiche (come il nuoto, la bicicletta, lo sci…). Se state cercando un GPS per sport come ciclismo e mountain bike, faranno per voi quegli orologi che supportano anche un sensore di velocità e cadenza (che li rende accurati anche quando il segnale GPS è debole o assente); se invece ne state cercando uno che vi accompagni nei vostri allenamenti di nuoto, allora dovrà assolutamente essere subacqueo (almeno 30/50 metri) e volendo, uno che conti anche le bracciate. Se siete dei super sportivi e avete bisogno invece di un compagno per varie attività, allora un orologio GPS multisport è quello che state cercando, come il nuovo Garmin Fenix 6 , l’ultimo arrivato del brand, super cool e super tech, che offre profili precaricati per praticare diverse attività (golf, sci, canottaggio…)
2 – Quali sono le caratteristiche da ricercare in un orologio GPS?
Oltre alle funzionalità basilari (cioè la misurazione in tempo reale di durata, distanza e velocità), molti orologi GPS oggi sono subacquei (anziché essere soltanto resistenti all’acqua) e hanno anche altre funzionalità, come la misurazione del battito cardiaco, dell’altitudine, delle calorie bruciate e dei tempi di recupero o la creazione di intervalli per tipologie particolari di workout, oltre che essere forniti di barometro e bussola integrati.
Tasti a volte dolenti sono la batteria e l’accuratezza delle informazioni (sopratutto se confrontate con quelle dei dispositivi GPS portatili). Normalmente i produttori di orologi GPS di qualità, uno fra tutti Garmin, hanno superato la questione della mancanza di accuratezza e i loro prodotti hanno un margine d’errore davvero irrisorio. Per quanto riguarda la durata della batteria con il GPS attivo, un orologio GPS può durare fino a 12 ore – alcuni però durano anche il doppio.
Ovviamente, essendo pensato per lo sport outdoor, un buon GPS è anche robusto e resistente, oltre che comodo. Alcuni orologi infine offrono anche una pratica funzionalità di monitoraggio del sonno, dei cicli sonno-veglia e di eventuali apnee notturne, dati forse non immediatamente utili da un punto di vista sportivo, ma davvero interessanti per quanto riguarda la nostra salute in generale.
3 – L’interfaccia
Non sempre gli orologi sono semplici da utilizzare: grafici, numeri e strane percentuali… Concentrate in un unico dispositivo. Insomma, per alcune persone molti dei dati che un GPS restituisce risultano quasi incomprensibili. Ecco perché anche l’interfaccia è una delle caratteristiche di un GPS da prendere in considerazione attentamente al momento dell’acquisto. Sicuramente la pratica e il continuo utilizzo aiutano, anche i neofiti, ma se non ti va di perdere tempo e scervellarti, il consiglio è quello di sceglierne uno semplice e “user-friendly” (anche se ormai quasi tutte le case produttrici stanno prendendo sempre più in considerazione questo punto).
Gli orologi hanno quadranti più o meno grandi, ovviamente più un quadrante è grande, più informazioni potrà mostrare nello stesso momento e spesso, quantomeno nel caso degli orologi GPS più avanzati, l’utente può scegliere quali dati visualizzare, selezionando quelli per lui più significativi ed importanti.
Infine, la maggior parte degli orologi GPS salva automaticamente i dati degli allenamenti conclusi, così da permettere all’utente di avervi accesso per fare utili confronti, monitorare miglioramenti e progressi e sfidare se stesso per cercare di migliorarsi sempre di più.
I DISPOSITIVI GPS PORTATILI 
Non soltanto orologi. Una valida alternativa agli orologi GPS, sono i dispositivi GPS portatili. Ovviamente i due prodotti non si escludono totalmente l’un l’altro.
Oltre ad essere molto più accurati, sono anche più resistenti e robusti, meno delicati e spesso costruiti con materiali che li rendono resistenti a cadute e urti e permettono di utilizzarli anche in condizioni estreme. In più sono di solito dotati di una batteria più duratura e longeva.
Logicamente lo schermo di un dispositivo portatile è più grande rispetto a quello di un orologio e può avere una risoluzione più elevata, restituendo mappe e cartografie più dettagliate ed appetibili. Un altro punto a favore di questi dispostivi è la memoria, molto più elevata rispetto a quella di un orologio, a volte addirittura espandibile, con la possibilità di aggiungere e caricare cartine, rotte o cartografie specifiche a seconda delle esigenze.
Pur essendo più grandi di un orologio, questi strumenti hanno comunque dimensioni contenute, possono infatti stare in tasca o in una mano e, in generale sono anch’essi impermeabili.
Come distinguere un buon GPS da un entry-level?
Se un dispositivo portatile GPS entry-level restituirà informazioni e funzionalità basilari, quali la posizione e poco altro, un dispositivo GPS di qualità darà all’utente anche la possibilità di visualizzare i punti di interesse nelle vicinanze (waypoint), come rifugi, cime, parchi…
Per il resto, visto che anche per i dispositivi portatili esistono diversi range di prodotto, vale lo stesso discorso fatto per gli orologi GPS: si parte dai dispositivi più “basic o entry-level”, e si arriva a quelli più completi, dotati di più funzionalità e anche qualche chicca. Alcuni sono dotati di altimetro e barometro, bussola elettronica a tre assi, torcia, faro per lanciare messaggi di SOS, connettività multisatellite, fotocamera integrata, schermi ad alta definizione, anche a colori, carte più realistiche, connettività wireless (utilizzabile ad esempio per funzioni meteo o GeoChaching) e Bluetooth, oltre alla possibilità di creare i nostri personali punti di interesse lungo il tragitto.
Infine i dispositivi GPS portatili sono versatili e trasversali a più sport ed attività: ottimi per escursioni, trekking, MTB, kayak, ma perfetti anche per il campeggio e per i viaggi in moto.
Carrello